'O Re de li Stromiente, il Colascione nelle fonti letterarie, musicali e iconografiche

 

 Il colascione, liuto a manico lungo proveniente dall’Oriente ottomano, fu indubbiamente tra gli strumenti più diffusi nel Regno di Napoli tra la fine del ’500 e la seconda metà del ’700. Numerose sono le testimonianze letterarie e iconografiche secentesche che dimostrano la particolare pertinenza dello strumento per l’accompagnamento di serenate, mattinate o più genericamente di canti inscrivibili nella tradizione improvvisativa di tipo orale.  Ed è sulla storia di questo strumento che si concentra il saggio di Fedele Depalma dal titolo O re de li stromiente. Il colascione nelle fonti musicali, letterarie e iconografiche (con Cd audio, pp. 264, euro 16) pubblicato dalle Edizioni Del Grifo di Cavallino (LE). 

 

La diffusione di canti sul colascione potrebbe aver condizionato lo sviluppo delle villanelle cinquecentesche nelle sue peculiarità più caratterizzanti le quali si giustificherebbero in virtù di aspetti fondanti della prassi esecutiva del colascione stesso. L’esame delle fonti ha messo in luce la complessità delle dinamiche sottese all’uso e alla fruizione del colascione almeno fino al secolo XVIII. Varie problematiche lo investono, a partire dalle origini; l’analisi delle fonti iconografiche e organologiche ottomane ha evidenziato una straordinaria affinità tra alcuni liuti turchi e il colascione italiano, avvalorando la tesi di chi già nel Seicento (Mersenne, Kircher, Meninski, Bonanni) lo considerava indiscutibilmente turco.

Anche se non mancano esempi di letteratura colta ad esso riservato (ad esempio le sonate del compositore settecentesco Domenico Colla), il colascione sembra frequentemente associato ai cantastorie popolari e alle mascherate carnascialesche. Emblematica testimonianza della diffusione dello strumento in contesti carnevaleschi è il ciclo di incisioni del pittore francese Jacques Callot sulla ‘sfessania’, particolarissima danza barocca le cui caratteristiche formali rimanderebbero ad un clima di inversione rituale e che presentano analogie non sottovalutabili con il più generico fenomeno del tarantismo al punto che si potrebbe individuare in essa una delle radici della popolarissima tarantella napoletana. Ciò giustifica anche la ricorsività con cui lo strumento fu usato tra i “comici all’improvviso”, con particolare rimando alla maschera di Pulcinella che della sfessania era pur uno dei protagonisti. Il legame con il mondo della “commedia all’improvviso” divenne intensissimo, al punto da seguirne ascesi e declino, in un continuo processo di interazione simbolica.

In quanto strumento “popolare”, il colascione divenne presto autentico emblema di un’ampia area letteraria in polemica con la cultura accademica e toscaneggiante: Giulio Cesare Cortese, Gian Battista Basile, Filippo Sgruttendio, Domenico Bartolo, Giuseppe Berneri, Bartolomeo Nappini, Antonio Villani, pur con sostanziali divergenze, utilizzarono il colascione come simbolo della propria poetica, in senso eminentemente anti-accademico, arrivando persino a nobilitarlo con l’invidiato titolo (ma pur sempre da leggersi in un’ottica d’inversione parodica) di “re de li stromiente“.

web hosting is very important in online business. Make a good decision and choose ipage for your company, and you will realize how easy is to have a website.
Joomla Template designed by Joomla Host